Image 01

Il caso dell’italicità nell’era globale

L’Associazione Globus et Locus- fondata nel 1997 dalla Camera di commercio di Milano e dall’Università Cattolica del Sacro Cuore e presieduta da Piero Bassetti – ha incaricato Staff di organizzare la presentazione a Milano giugno 2003 “The essence of italian culture and the challange of a global age”, il primo studio sul ruolo sul nuovo mondo globale degli “italici” ossia dei circa 200 milioni di persone che nei diversi Paesi del mondo si riconoscono nei principi e nei valori dell’italicità. Esito di un seminario svoltosi a Washington e organizzato da Globus et Locus in collaborazione con Catholic University of america, lo studio è finora disponibile soltanto in lingua inglese. Oltre ad organizzare la presentazione e la promozione alla stampa della ricerca, Staff ha suggerito ed in breve tempo redatto e pubblicato un opuscolo che ne contiene una sintesi ragionata in lingua italiana. ( Immagine opuscolo - immagini convegno) Milano Palazzo dei Giureconsulti, 19 giugno 2003 presentazione della ricerca “The essence of italian culture and the challange of a global age”, realizzata a Washington per iniziativa di Globus et Locus Milano. Interventi di Piero Bassetti, Gianfranco Fabi, Ludovico Incisa di Camerana, Paolo Janni, Lorenzo Ornaghi.



Conferenza nazionale sull'America Latina

Una straordinaria occasione per analizzare in profondità la situazione dell’America Latina, delle sue prospettive e dello stato dei rapporti con l’Europa: questa è stata la “Conferenza Nazionale sull’America Latina” che – fatto senza precedenti – il ministero degli Esteri e la Regione Lombardia hanno organizzato insieme a Milano, mercoledì 15 e giovedì 16 ottobre 2003, presso Palazzo Clerici, sede dell’Istituto per gli Studi di Politica Internazionale (ISPI). Nella prospettiva del crescente ruolo “pubblico” internazionale della società civile, e quindi delle migliori energie del no profit, della ricerca, della comunicazione, dell’economia e della finanza, la Lombardia sta diventando una piazza diplomatica di grande rilievo. La scelta di Milano quale sede della Conferenza ha confermato tale ruolo – complementare e non alternativo a quello delle Istituzioni politiche centrali – già emerso nel marzo 2003, quando la città ha ospitato i lavori dell’Assemblea annuale dei governatori della Banca Interamericana di Sviluppo. Staff srl ha curato l’ufficio stampa dell’intero convegno; un impegno sicuramente prestigioso per un’azienda che, con questo nuovo servizio, allarga il suo “campo d’azione” alle manifestazioni nazionali e internazionali.



Alla scoperta della Porta Romana ( Milano)

Nel 2002, all’interno del programma della mostra su Milano all’epoca della dominazione spagnola “ Grandezza e splendori della Lombardia spagnola” Staff Srl ha realizzato un programma di estensione all’esterno della sede museale sino alla vicina Porta Romana. Nella sua veste attuale infatti la Porta altro non è che l’arco d’onore eretto in età spagnola in occasione del passaggio da Milano di Margherita d’Austria, promessa sposa al re di Spagna. Staff ha realizzato dentro la mostra una postazione informativa sulla Porta tramite la quale sono state distribuite ai visitatori migliaia di copie di un pieghevole guida del monumento. Grazie al pieghevole diventa così possibile la lettura del monumento, ricco di immagini e di iscrizioni. Una memoria del passato che migliaia di persone vedono ogni giorno, ma che quasi nessuno conosce e comprende, veniva così resa leggibile e visitabile.



La rete delle infrastutture in America Latina e le apportunità per le imprese Italiane

Si è svolto il 16 febbraio 2004 a Palazzo Turati un importante seminario per illustrare alle aziende italiane operanti nel settore delle infrastrutture, dell’energia, dei trasporti e delle telecomunicazioni le eccezionali possibilità di investimento nei processi di integrazione regionale in America Latina. Questa manifestazione ha seguito, in ordine cronologico, la conferenza nazionale sull’America Latina e, anche in questa occasione, Staff/R&C ha curato l’ufficio stampa del seminario, seguendo con la stessa precisione in ogni fase - dalla preparazione alla conclusione - l’intero evento.




Tra le nevi eterne: un secolo di esplorazioni tra alpinismo e scienza

E' questo il titolo della Mostra fotografica che ARPA Lombardia ha organizzato dal 26 gennaio al 13 febbraio presso il Centro Nivometeorologico di Bormio, di cui Staff srl ha curato il progetto, l’allestimento e il progetto grafico del catalogo. Il percorso della mostra si è articolato in due sezioni. Nella prima, oltre a presentare le attività dell'ARPA, si rievocavano le storiche spedizioni italiane sul Karakorum. In particolare, la mostra ha offerto ai visitatori alcuni esempi delle preziose documentazioni fotografiche dei primi decenni del secolo XX, opera di Vittorio Sella e di Fosco Maraini, pionieri dell’alpinismo scientifico e della fotografia. Spazio è stato inoltre dedicato anche alla spedizione guidata da Ardito Desio che nel 1954 si concluse con la conquista della vetta del K2 (la "montagna degli Italiani") da parte del valtellinese Achille Compagnoni, guida alpina originaria di Santa Caterina di Valfurva, e del cortinese Lino Lacedelli. Nella seconda sezione invece sono state presentate le spedizioni sul K2 a mezzo secolo di distanza da quella di Desio e le esperienze scientifiche in Antartide cui ARPA ha dato un importante contributo di mezzi e di uomini.

Torna indietro